Bellezza

Dentifricio sbiancante e abitudini salutari per sfoggiare un sorriso incantevole

Avere denti bianchi e sani è un desiderio che può diventare realtà con il dentifricio giusto e un po’ di pratica

Quanto fascino contiene quella curva armoniosa e piena di mistero che si chiama sorriso? Certamente è uno dei dettagli che non passa mai inosservato, ed è una vera e propria arma di seduzione. Questo naturalmente se si tratta di un sorriso ben curato. La bellezza dei denti, così come quella del corpo, si coltiva col tempo e con l’impegno. Chi è paziente e costante può ottenere ottimi risultati senza spendere una fortuna. Basta fare proprie le giuste abitudini e munirsi di un buon dentifricio sbiancante come Advance White di Arm & Hammer.   

Allenamento intensivo per superare la prova sorriso

Severa quasi quanto la prova costume, ma non altrettanto faticosa, la prova sorriso è una cosa seria. Anche per ottenere denti bianchi e splendenti sono previsti esercizi specifici, alimentazione sana e strumenti che aiutano a raggiungere risultati eccellenti. L’allenamento per ottenere un sorriso smagliante inizia con l’acquisto di tutto ciò che serve per seguire una corretta routine di igiene orale.

Scegliere il miglior dentifricio sbiancante 

Il dentifricio antimacchia è il prodotto chiave per eliminare le inestetiche sfumature giallognole dai denti. Bisogna fare molta attenzione però a scegliere un buon dentifricio sbiancante che non contenga agenti chimici aggressivi. Il problema di molti prodotti antimacchia infatti è la presenza di ingredienti che, seppur ottimi per sbiancare i denti, rischiano di procurare seri danni allo smalto dentale. Danni che, se prolungati nel tempo, possono far insorgere fastidiosi disturbi come la sensibilità dentinale. Il dentifricio sbiancante ideale non solo è un valido aiuto dal punto di vista estetico, ma contribuisce anche a preservare la salute dei denti. Per questo motivo consigliamo proprio il dentifricio Arm & Hammer, il cui ingrediente sbiancante è il bicarbonato di sodio. Questa sostanza naturale svolge la sua azione antimacchia in modo delicato, senza aggredire lo smalto. Inoltre il bicarbonato è ottimo per igienizzare la bocca e per contrastare l’accumulo di batteri responsabili dell’alito cattivo.

baking soda

Non tutti gli spazzolini da denti sono uguali

Dopo aver acquistato il dentifricio sbiancante bisogna scegliere lo spazzolino, la cui caratteristica più importante è la durezza delle setole (normalmente indicata sulla confezione). Gli spazzolini con le setole dure, anche se possono dare l’impressione di pulire più efficacemente, possono essere dannosi per lo smalto, specialmente se usati con un certo vigore. Lo spazzolino normalmente consigliato ha setole medie, oppure morbide. Queste ultime sono particolarmente indicate per chi soffre di episodi anche sporadici di sensibilità dentinale. 

Routine di igiene orale e corretto spazzolamento

Quella di lavarsi i denti dopo i pasti principali è un’abitudine acquisita fin dall’infanzia. Ma siamo sicuri di conoscere tutti i segreti per un’igiene orale impeccabile?

La tecnica più efficace per pulire i denti

Tanto per cominciare, spazzolare i denti in senso orizzontale sembra essere il metodo migliore e più diffuso, soprattutto perché semplice. Sbagliato. La superficie esterna dei denti va spazzolata con movimenti verticali che partono dalla gengiva e vanno verso le estremità. La cosiddetta “tecnica a rullo” consente di asportare la placca senza che essa si accumuli in corrispondenza del solco gengivale.

Inoltre eseguire movimenti delicati in senso verticale consente di pulire efficacemente i denti senza indebolire lo smalto.

Le corrette dosi di dentifricio sbiancante

A chi non piace provare la sensazione di pulito e freschezza che solo il dentifricio sa regalare? Eppure, bisogna ricordarsi di non esagerare nell’applicare il prodotto sullo spazzolino. Se normalmente si tende a ricoprire di dentifricio la testina per la sua intera lunghezza, è bene sapere che basta una quantità di prodotto nettamente inferiore per garantire un’ottima pulizia. Una pallina di dentifricio grande quanto un pisello è più che sufficiente per un lavaggio.

Quando lavare i denti

Sebbene sia importantissimo lavarsi i denti dopo mangiato, non bisogna avere fretta. Eseguire la pulizia immediatamente dopo aver consumato cibi e bevande (specie se contenenti sostanze acide) rischia di danneggiare non solo lo smalto, ma anche la dentina. Per questo è consigliabile aspettare almeno 20 minuti dalla fine del pasto prima di lavarsi i denti.

Accorgimenti da tenere a tavola per avere denti bianchi

Un’alimentazione corretta gioca un ruolo fondamentale non solo per mantenere la linea, ma anche per la salute e la bellezza dei denti.

I cibi amici di denti e gengive

Gli alimenti croccanti come il sedano, le carote e la frutta secca sono eccellenti per rimuovere la placca dalla superficie dei denti e massaggiare le gengive. Anche le mele sono un ottimo snack salutare, non solo per la loro consistenza. Infatti sono particolarmente indicate per contrastare la formazione di batteri e mantenere l’alito fresco. L’ideale è gustarle complete della loro buccia.

mele

Quali alimenti evitare per avere denti bianchi

Per rendere ancora più efficace l’azione del dentifricio sbiancante e delle buone abitudini di cui abbiamo parlato, è bene stare attenti agli alimenti che tendono a far ingiallire il sorriso.

Alcuni frutti e ortaggi, per quanto deliziosi, contengono pigmenti colorati che possono macchiare i denti, esattamente come fanno the e caffè. I frutti di bosco, le barbabietole e i pomodori (soprattutto se in salsa) vanno consumati quindi con moderazione.

Spezie e condimenti come il curry, la salsa di soia e l’aceto balsamico hanno lo stesso effetto ingiallente, così come bevande quali il vino rosso e le bibite contenenti coloranti.

Previous Article